L’Italia è rinnovabile!

Referendum: a Torino grande partecipazione al voto nelle zone tradizionalmente più astensioniste

I cittadini hanno consapevolmente espresso il proprio voto di fronte ai quesiti referendari. I rischi e i costi del nucleare e le conseguenze di una gestione privata dell’acqua hanno guidato gli elettori verso l’unica scelta che guarda veramente al futuro. Essi, contrastando le paventate politiche energetiche del Governo, hanno confermato la direzione che i Paesi europei stanno percorrendo rifiutando il nucleare e sostenendo con vigore le fonti rinnovabili e la ripubblicizzazione dei beni comuni.

In questi mesi, come Molecola, neonato circolo torinese di Legambiente, abbiamo dato il nostro contributo alla campagna referendaria, incontrando per le strade di questa città tante persone, dialogando con loro per far emergere le contraddizioni e l’inopportunità di un ritorno dell’energia atomica in Italia. Ma in questi giorni di festa collettiva il dato importante da segnalare è la nascita nel nostro Paese di un nuovo movimento ambientalista. Un movimento che avrà adesso il compito di pretendere una legislazione seria per promuovere una produzione di energia che rispetti la salute e l’ambiente senza cedere al profitto di pochi.

Il percorso democratico compiuto dal movimento contro il nucleare, infatti, non si ferma qui. L’accresciuta consapevolezza impedirà anche in futuro che il nostro Paese sia soggetto agli interessi di lobby economiche e militari. Queste lobby hanno cercato fino all’ultimo, attraverso il controllo di alcuni media, di spingere all’astensionismo e di sospendere il giudizio su decisioni che coinvolgono direttamente le vite di tutti noi. Noi, invece, ora contiamo su una base popolare più ampia che bloccherà ogni eventuale tentativo di costruire centrali nucleari in Italia.

La guardia adesso è vigile anche sulla gestione delle scorie della passata stagione nucleare. Il prossimo passaggio del treno delle scorie attraverso il Piemonte sarà un nuovo momento di informazione e di sensibilizzazione sui pericoli legati al nucleare.

Dopo un’analisi dei dati riguardanti l’affulenza e l’esito del voto a livello locale, riscontriamo rispetto ai dati nazionali una partecipazione ancor più ampia di votanti e di SI’. Eppure siamo vicini a tante centrali francesi, come sostiene uno dei ritornelli dei nuclearisti… Evidentemente la popolazione è ancor più consapevole dei rischi che già corre!

Nella Provincia di Torino si è avuta una partecipazione al voto del 61,6%, nel Comune di Torino del 60%. Particolarmente rilevante è inoltre notare come il referendum sia stato fortemente sentito nelle zone più popolari della Città: l’affluenza alle urne nelle circoscrizioni 5, 6 e 10 (Borgo Vittoria-Madonna di Capagna-Lucento-Vallette; Barriera di Milano-Regio Parco-Villaretto-Barca-Bertolla; Mirafiori Sud), indica un’inversione di tendenza rispetto al passato quando, proprio in queste zone, le percentuali di astensione erano molto più marcate rispetto al resto della città.

La grande affluenza alle urne è confermata anche a livello regionale con una percentuale di votanti del 59% e di SI’ del 93,1%. A fronte di questi dati chiediamo che la Regione, ora che i cittadini si sono espressi in modo esplicito, riconosca l’erronea posizione assunta a favore del nucleare e si impegni con un piano per lo sviluppo dell’utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili. Fonti che possono essere anche una valida alternativa economica e occupazionale per la regione Piemonte così colpita dalla crisi.

Annunci

One Comment to “L’Italia è rinnovabile!”

  1. Grazie a tutti quelli che sono tornati a votare dopo dieci anni. Grazie agli elettori del 1923 e a quelli del 1928 che hanno pensato al nostro futuro. Grazie a chi è andato ai seggi con i propri figli, consapevole che questo sarebbe diventato un giorno da ricordare a lungo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...